La mia foto
PESCARA, PE - Pescara, Italy


E COME POTEVA NON ESSERE ALTRIMENTI ?
FIN DA BAMBINO AFFASCINATO, APPASSIONATO, MALATO D'IMMERSIONI CHE CON AUTORESPIRATORI DI VARIO TIPO PRATICO DAL 1981, E FREQUENTATORE DELLA MONTAGNA, SPESSO SOTTO I SUOI OCCHI ARMEGGIO NEI PREPARATIVI CON BOMBOLE, PINNE, MASCHERE, EROGATORI, CORDE, ZAINI, SCI, RAMPONI E PICCOZZE.
LA SUA MENTE FRESCA, LIMPIDA E DIRETTA E' COSI' CHE MI VEDE.
QUI RACCONTO CON FOTO, VIDEO E PAROLE DI TUFFI ED ASCENSIONI.

sabato 31 dicembre 2011

--immersioni: "LA GRANSEOLA ARRABBIATA !!!"

Con il nome scientifico di "Maja squinado", comunemente detta granseola, si identifica un grosso crostaceo il cui maschio della specie è caratterizzato da un lunghissimo paio di chele.
Nel corso della nostra immersione alla Punta Secca di Capraia nell'arcipelago delle Tremiti, dopo aver toccato la profondità di 55 metri, durante la risalita ne abbiamo incontrata una che, per nulla intimidita dalla scarto dimensionale, con dei balzi a pinze aperte non si faceva alcun problema a sferrar attacchi contro di noi!

lunedì 26 dicembre 2011

--immersioni: "IMMERGERSI CON BABBO NATALE"

Non capita tutti i giorni d'immergersi nientepopodimeno che ... con BABBO NATALE!

mercoledì 14 dicembre 2011

--immersioni: "L'ABITANTE DEL MARE" (di Alberto Altomare)

Lo devi pronuncià co’ n’alito de fiato

Che manco chi te stà vicino ce fà caso

E’ come quanno che sei ‘nnammorato

Je devi dì “te amo” mentre j’accarezzi er viso



Eppure quarche vorta c’hai sofferto

Ma ogni torto te l’ha sempre aripagato

Hai lottato pe na vita a core aperto

Ma ogni amore se pò dì che è tribbolato



Er mare nun è de chi è più bravo

Ma de chi se lo sogna co l’occhi aperti

E mentre er core tuo je diventa schiavo

Amalo deppiù co la forza dei più forti



E quanno te domanneno chi sei

Arisponnije senza timore

Te dovessero sentì pure li Dei

“io nun vivo sù sto monno,

sò n’ abitante der mare”



Albe


lunedì 12 dicembre 2011

--immersioni: "IL NERO CONTINUA AD ESSER DI CRISTALLO"

"...Arrivati alla massima profondità raggiunta oggi nel lago, nel buio assoluto dei 71 metri appena rischiarato dai nostri fari subacquei, ci troviamo alla base di una gigantesca roccia che sopra le nostre teste ci si para davanti e sovrasta venendo fuori dalla verticale con una grande pancia aggettante in fuuori, ci sentiamo piccoli in confronto a questo monolito roccioso.
Nella loro corsa verso l'alto le bolle degli autorespiratori le vediamo prima sbattere contro lo scuro sasso vulcanico, risalirlo lentamente e poi fuggire via libere da impedimenti.
Diamo uno sguardo al ripido inghiottitoio che scompare nel buio sotto le pinne.
Ci diamo il segnale inequivocabile del "pollice su" ed iniziamo la risalita scalando senza peso questa impressionante, solitaria e compatta parete sommersa e quando arriveremo alla sua sommità lo strumento ci segnalerà una profondità di circa 57 metri, 12-13 in meno rispetto a dove le sue fondamenta s'appoggiavano.
Qui il suo cocuzzolo, se così si può chiamare, appare poco meno di uno scoglio arrotondato tanto che se un sommozzatore vi transitasse nei pressi provenendo dall'alto con questa oscurità non riuscirebbe di sicuro ad intuirne la struttura.
In fin dei conti questa piccola falesia sommersa alta poco più di una decina di metri, incastonata in un fondale caratterizzato fondamentalmente da sparute rocce, fango e sabbia vulcanica, risulta essere una piccola gemma che gratifica lo spirito avido d'esplorare sott'acqua posti nuovi ..."