La mia foto
PESCARA Centrale, Italy


E COME POTEVA NON ESSERE ALTRIMENTI?
FIN DA BAMBINO AFFASCINATO, APPASSIONATO, MALATO D'IMMERSIONI, CHE CON AUTORESPIRATORI PRATICO DAL 1981, E FREQUENTATORE DELLA MONTAGNA, SPESSO SOTTO I SUOI OCCHI ARMEGGIO NEI PREPARATIVI CON BOMBOLE, PINNE, MASCHERE, EROGATORI, CORDE, ZAINI, SCI, RAMPONI E PICCOZZE.
LA SUA MENTE FRESCA, LIMPIDA E DIRETTA E' COSI' CHE MI VEDE.
QUI RACCONTO CON FOTO, VIDEO E PAROLE DI TUFFI ED ASCENSIONI.

venerdì 27 maggio 2016

^^montagna: "ANFITEATRO DELLE MURELLE"


Una gita nel remoto ed aspro Anfiteatro delle Murelle nel cuore della Majella vale sempre la pena, pur sapendo di doversi sobbarcare un'ora e mezza all'andata ed altrettanto smazzo al ritorno, quando le gambe sono oramai appesantite dal lavorio ininterrotto di ore di saliscendi in falsopiano tra la ramaglia dei pini mughi (tratto dal rifugio Pomilio alla sella dell'Acquaviva). E tutto questo, si badi bene, prima di iniziare la sudata e la fatica per la vera e propria salita verso il Focalone prima e poi sulla testata dell'anfiteatro delle Murelle.
La montagna ci ha accolto a braccia aperte con temperatura ideale, ne' troppo calda e neanche tanto fredda, neve abbondante e soprattutto di qualità "trasformata" per tutta la discesa!
Quindi, cosa desiderare di più? Con l'amico Fausto molto ci siamo sfiziati a serpeggiare nello splendido vallone glaciale, chiuso per più dei tre quarti del suo orizzonte da rocce verticali e frantumate, per poi brevemente risalire al piccolo bivacco Fusco e quindi andare ancora giù a terminare la strepitosa sciata nel valloncello della Grotta del Cavone.
A quel punto, come dicevo prima, ci attendeva l'ultima fatica ulteriormente condita dagli sci orami inservibile e stipati dietro gli zaini che costantemente s'intrecciavano con l'endemico Pini Mugo.

Nessun commento:

Posta un commento

Ben lieto della tua visita, grazie. Se hai voglia di lasciare un'opinione puoi farlo qui. Ciao